Tag - TRADIZIONI  BELGIO

Cultura del Belgio

Tradizioni e cultura in Belgio

La storia interessante, variegata e spesso violenta del Belgio spiega molto gli aspetti linguistici e culturali ugualmente variegati di questo piccolo paese

Cultura del Belgio

Stretto tra la Germania e la Francia e di dimensioni modeste, nonché nella personalità della sua gente, il Belgio è spesso trattato dallo zaino in spalla come paese europeo di crossover. Un grave errore, e non solo per la fiaba di Bruges, anche se c’è più splendore medievale da dove viene. Dato che è pieno di diversità e cultura, ecco perché molti altri viaggiatori dovrebbero cantare le lodi della pinta della terra.

Qualsiasi tentativo di avere una panoramica generale della cultura belga non sarà all’altezza della realtà, a causa della divisione del piccolo paese in tre gruppi linguistici e degli afflussi culturali che filtrano attraverso i suoi confini da Paesi Bassi, Francia, Germania e Lussemburgo. Le lingue ufficiali qui sono tedesco, olandese e francese, anche se il 33% degli abitanti parla la vecchia lingua vallone e una variante olandese, fiamminga, è parlata da almeno il 60%. All’interno delle tre regioni della Vallonia, delle Fiandre e di Bruxelles-Capitale, le singole culture prosperano, ognuna con le proprie tradizioni, folklore, gastronomia e priorità.

I valori della famiglia occupano una posizione centrale nella vita della maggior parte dei belgi per qualunque provincia chiamino casa, così come i valori di apparenza e pulizia, sia nelle questioni personali che in quelle immobiliari. Di conseguenza, il Belgio è un paese piacevolmente ordinato e pulito. Benché amichevoli e accoglienti, i belgi sono un po ‘formali nel loro saluto, con brevi strette di mano la norma fino a quando un’amicizia o un rapporto d’affari non saranno pienamente stabiliti.

Top 10 siti di date in Belgio

  1. Incontri maliziosi
  2. Partita 4 me
  3. Datazione SF
  4. Incontri Elite
  5. Insieme
  6. Gaypartner
  7. Single papà
  8. Mamme single
  9. Felicità degli anziani
  10. 50 Amore

La sua capitale è una forza imminente nella scena artistica internazionale

Troppo spesso visto come il rigido fratello di Eurocrat di Anversa, Bruxelles sta guadagnando consensi come forza innegabile nella comunità di artisti di tutto il mondo. C’è una ragione per cui la stimata fiera indipendente d’arte si è avventurata fuori dalla sua casa di New York per una prima edizione all’estero nel 2016 e ha scelto Bruxelles per piantare le sue radici europee. Mentre un vasto panorama di gallerie fiorisce a lungo nella capitale belga, gli artisti internazionali hanno recentemente adottato la città come comodo pied-à-terre, in posizione centrale e meno frenetica di Parigi o Londra. Per tutto il tempo, gli spazi all’avanguardia come il laboratorio d’arte Wiels e la nuova MIMA, incentrati su quella che definisce “Cultura 2.0”, continuano a sfidare lo status quo del mondo dell’arte, iniettando le vene della città con impulsi giovanili che sono diventati parte del terreno attuale.

Le inclinazioni borgognone dei belgi

Mentre le cialde, la birra e le patatine fritte sono tutte ottime specialità belghe, tendono a sminuire le prelibatezze gastronomiche del paese. Forse un tratto preso in prestito dai loro influenti vicini del sud, i belgi amano mangiare bene, e non si preoccupano di mettere impegno e tempo. Piatti tradizionali come il carbonnade flamande (uno spezzatino alla birra) e il waterzooi (un brodo di pollo o pesce servito con verdure e patate) sono le prelibate prelibatezze di molte taverne, e la cucina raffinata non è mai lontana con una quantità impressionante di Michelin stelle pro capite.

Negli ultimi anni, la città di Gand si è fatta strada sul palcoscenico mondiale con una nuova generazione di ristoranti ispirati. Per gentile concessione di un movimento accreditato al “Flemish Foodies”, un giovane trio di chef di Gand, la capitale vegetariana d’Europa non sta più prendendo spunto dagli ispettori della Michelin. Invece di tovaglie bianche inamidate, i decori rilassati negli spazi industriali riadattati sono diventati la norma, con ingredienti sostenibili e verdure fatte in casa come le vere star. Non che abbia tenuto ristoranti come il Publiek di Olly Ceulenaere per insaccare quella stella in ogni caso, o Kobe Desramault dal ricevere acclamazioni internazionali per il suo ristorante-panificio caldo dove il pane viene cotto in un forno a legna centrale sul posto.

La terra

I vantaggi che derivano dall’essere grandi come un bicchiere parlano da soli: periodi di viaggio più brevi, tariffe di viaggio più economiche e più tempo per visitare i luoghi che sono necessari per la visualizzazione. Da Bruxelles a Liegi, da Anversa a Gand, nessuno di questi hubs belgi essenziali si trova a più di un’ora e mezza di treno l’uno dall’altro. In effetti, il metodo di viaggio preferito per visitare il Belgio è un’escursione di un giorno o brevi pernottamenti, immersi nell’unicità di dire un’Anversa alla moda o una Bruxelles multiculturale prima di spostarsi sul mare rilassato o sulle Ardenne boscose.

C’è di più da dove viene Bruges

In altre parole: i monumenti medievali ben conservati sono una specie di cosa del Belgio. Devi almeno aver visto le immagini di Bruges, tutte le case a gradoni, i vicoli acciottolati e i canali tortuosi. L’intero nucleo cittadino è un sito patrimonio dell’umanità dell’UNESCO, e il suo soprannome più comune è “la Venezia del Nord”. Con un fascino e una fama così ricchi, la città millenaria sovrasta spesso le pittoresche località belghe.

Gand, a soli 20 minuti di treno, ha più edifici quotati, un trio di torri gotiche e le più ambite opere d’arte della storia nella manica. La Grand-Place di Bruxelles del XVII secolo è conosciuta per trasportare spettatori in un mondo ormai lontano, con il Municipio che impressiona Victor Hugo così tanto che si è dato a lirica, definendolo “una fantasia abbagliante sognata da un poeta”. Città studentesca Leuven’s Grand Béguinage e il suo caratteristico sentimento di villaggio quasi ti faranno desiderare di tornare indietro di un paio di centinaia di anni per unirti al convento non devoto come una delle prime femministe del Belgio, e persino l’avanguardia di Anversa è orgogliosa delle sue accattivanti leggende folcloristiche e storia del successo marittimo.

Il senso dell’umorismo belga

Tenendo il mezzo tra il surreale e l’autoironico, l’umorismo belga tende ad errare sul lato asciutto delle cose. L’abbraccio sincero di un ragazzino statuèfantly che fa pipì in un bacino d’acqua come un simbolo nazionale dice tanto (una statua così rispettata che è inondata di doni stranieri sotto forma di bei vestiti e che ha recentemente ricevuto il proprio museo del guardaroba, potremmo aggiungere ). Così anche i progetti contemporanei come Ugly Belgian Houses (“Perché la maggior parte delle case belghe fanno schifo”) e il film del 2016 Il re dei belgi, un mockumentary che scava nella regione fiamminga-vallona si divide con gusto. Sì, burocrazia, pianificazione della città atroce e un’accozzaglia di governi sono veri e propri fastidi belgi, ma quale modo migliore per affrontare i tuoi difetti che con un po ‘di umorismo.

Onora i suoi singolari pensatori

Un disegno di una pipa non è una pipa, e una casa di Bruxelles dovrebbe essere luminosa e ariosa, piena di mosaici, eleganti curve e decorativi in ​​ghisa – Brusselaars René Magritt e Victor Horta hanno lasciato un segno indelebile nella capitale belga. Entrambi i pionieri rovesciarono le concezioni nel loro rispettivo campo, Magritte diventando il padre della pittura surrealista e Horta introducendo l’architettura Art Nouveau nel mondo. Lo spirito unico di Magritte è mostrato sia in un grande museo di opere d’arte che in una collezione più intima nella sua ex casa, mentre le quattro grandi case a schiera di Horta formano perle nel centro della città.

Bere in Belgio

Cultura di incontri in Belgio

Essendo un paese famoso per la sua birra, l’alcol è ampiamente disponibile in Belgio. La maggior parte dei bar, caffè, ristoranti e paninoteche vendono volentieri birra ed è persino possibile acquistare birra al McDonald’s. La birra è anche molto più economica che in altri paesi, e una lattina di birra è spesso più economica di una lattina di soda delle stesse dimensioni.

Ufficialmente è illegale bere sulla strada, ma in pratica questo non sembra essere applicato, in quanto molti bar hanno un’area esterna per i fumatori. Non è raro vedere persone che bevono birra nel parco in un caldo pomeriggio.

Ha il suo dialetto unico

È noto che il Belgio non è altro che un puzzle di dialetti che riflette la disparità culturale e la varietà all’interno di questo piccolo paese. Ha tre diverse lingue (francese, fiammingo – una forma di olandese – e tedesco), che variano anche nella pronuncia e nel vocabolario, secondo il distretto all’interno della regione. Pertanto, un oratore fiammingo delle Fiandre occidentali rischia di essere frainteso da altri che vivono nella periferia di Bruxelles.

La complicata capitale si trova all’incrocio tra Fiandre e Vallonia. Pertanto, il Brusseleer è un patois originato dal Brabançon (dialetto olandese) ma condito con parole francesi, o anche adattamenti olandesi del vocabolario francese. Ad esempio,  dikkenek  è composto dalla parola olandese  dikke  (grasso) e dal francese  nec (collo in inglese), ed è usato per designare una persona che è pretenziosa e piena di se stessa. Hergé, autore di  Le avventure di Tintin , talvolta usava il dialetto per fornire nomi fittizi a personaggi e luoghi nei suoi fumetti.

Ha un murale di cartone animato che è diventato un simbolo per l’amore gay

Parlando di fumetti, il fumetto di Bruxelles è assolutamente da non perdere poiché guida i turisti lungo le pareti più colorate della città ispirate ad alcuni dei più famosi artisti del Belgio. In effetti, questo paese è l’ospite del mondo di alcune delle più prolifiche scenografie a fumetti, poiché ospita oltre 700 autori di fumetti. Alcuni degli eroi comici più famosi della città sono Tintin, Spirou, I Puffi, Lucky Luke e Marsupilami.

Il murale di Brousaille, un personaggio creato dall’artista Frank Pé, si trova nel cuore del centro storico all’incrocio tra Rue Marché au Charbon e Rue des Teinturiers. Ma questa località (anche se per coincidenza) è anche famosa per essere parte del cosiddetto “Villaggio Gay”, che è pieno di bar e club gay che danno a questo particolare quartiere un fascino unico.

L’immagine stessa mostra il personaggio (un detective di animali) che cammina con il braccio intorno alla sua fidanzata Catherine, che sembra abbastanza androgina e potrebbe facilmente passare come un uomo. Dall’anno in cui è stato dipinto, nel 1991, è diventato un simbolo per l’amore gay a Bruxelles.

La statua più iconica della città è un ragazzo pipì

Ci sono diverse teorie che spiegano perché Manneken Pis è la statua più famosa della città. La storia più esilarante che una volta c’era un ragazzo che salvò la città dagli invasori facendo pipì su di loro. Ma forse la storia più plausibile rivela che nell’attuale posizione della statua, (all’incrocio tra la Rue de l’Étuve e la Rue du Chêne, nel centro storico della città), esisteva un mercato nel Medioevo dove si trovava l’urina venduto per abbronzare la pelle. I bambini erano i principali fornitori del prodotto, perché era un modo semplice per guadagnare un po ‘di soldi.

La statua, visitata ogni giorno da centinaia di turisti, è spesso nuda. Tuttavia, ha l’abitudine di vestirsi secondo i più svariati criteri – traendo ispirazione da un certo evento o vestendosi per un’occasione tempestiva. Tuttavia, gli abiti di Mannekin Pis possono anche essere basati sullo stile puro, come ad esempio il tempo in cui la statua era vestita da Jean-Paul Gaultier.

Al contrario, Jeanneke-piss, la controparte femminile di Mannekin Pis, non può essere vestita perché è seduta. E non dimenticarlo, nell’incantevole quartiere di Saint Gery, c’è una statua di un cane di nome Zinneke-pis!

Un piccolo regalo è previsto quando sei invitato in una casa belga e la puntualità mostra rispetto. Se viene dato un brindisi, alzati, ed è educato mangiare tutto ciò che ti viene offerto, non importa quanto sia pieno il tuo piatto. Tutti i belgi sono estremamente orgogliosi della loro cucina locale, rendendo lodevole il vostro pasto.

La tradizione artistica incredibilmente ricca del Belgio si estende dalle sue opere d’arte all’architettura, alla musica, alla letteratura e alle feste folcloristiche tradizionalmente autentiche, e tutte formano una parte importante della consapevolezza culturale della gente nel presente. Le visite al museo e alla galleria d’arte sono molto popolari e le numerose città medievali sono una grande fonte di orgoglio. Anche le famose birre artigianali belghe hanno un’identità culturale, specialmente quelle dei sei monasteri trappisti belgi a cui è permesso di produrre birra forte.